Anonim
Image Mies raffigurato sulla base della sua casa di Farnsworth, completata nel 1961 a Plano, Illinois Il fumetto grafico illustra il lavoro e la vita di Mies van der Rohe

L'illustratrice e scrittrice spagnola Agustín Ferrer Casas ha creato un romanzo grafico sul modernista del 20 ° secolo Ludwig Mies van der Rohe, con un prologo scritto dall'architetto britannico Norman Foster.

Il 176 pagine di Mies è un romanzo grafico spagnolo che delinea la vita e la carriera dell'architetto modernista, compreso il suo tempo trascorso al Bauhaus, in fuga dalla Germania nazista e continuando la sua carriera nella città di Chicago negli Stati Uniti.

La copertina del fumetto Mies di Ferrer Casas presenta Friedrichstrasse a Berlino, con una rappresentazione dell'entrata di Mies per un grattacielo sullo sfondo del 1921

Progettato da Agustín Ferrer Casas, un artista che vive in Spagna, il progetto presenta dozzine di illustrazioni architettoniche dei progetti di Mies.

Nel fumetto, Casas illustra i momenti chiave della vita dell'architetto, alcuni dei quali sono progettati per essere più grandi della vita, accanto ad alcuni dei suoi edifici più famosi. Non pretende di essere una biografia.

"È una biografia immaginaria della sua vita, basata su numerosi scritti di molti altri autori e dello stesso Mies", ha scritto Casas in un post sul blog. "E dico finzione perché in questo libro, provo non solo a mostrare parte del suo lavoro, ma anche la vita, la personalità dell'architetto. Ciò che lo ha reso un grande architetto e ciò che ha lasciato alle spalle l'ambizione di costruire."

Image Una festa si tiene a Villa Tugendhat di Mies, con il suo muro di marmo e le sedie moderniste, accanto a una sezione d'angolo di vetro

Anche l'architetto britannico Norman Foster di Foster + Partners ha scritto un prologo per il libro, osservando il suo tempo ammirando i progetti di Mies a New York e Chicago.

"Mies van der Rohe è uno dei pochi architetti del 20 ° secolo che ha contribuito a modellare l'architettura del presente e probabilmente quella del futuro", ha detto Foster.

"Le storie alla base di questi progetti e altro, tra cui approfondimenti sulla sua carriera di insegnante e architetto praticante, sono ritratti elegantemente e in modo intelligente in questo eccellente formato comico", ha concluso.

Nella foto qui è Mies, che domina le torri dell'appartamento Lake Shore Drive a Chicago

Le opere chiave del romanzo grafico sono il Padiglione di Barcellona del 1929, con pareti in marmo e sculture sensuali, e quando l'architetto fu costretto a chiudere la scuola Bauhaus nel 1933 con l'inizio del dominio nazista.

Un altro momento degno di nota è il tempo trascorso da Mies a Villa Tugendhat a Brno, che completò nel 1930. Successivamente la villa fu conquistata e bombardata dai nazisti.

Image La natura del lavoro di Mies è dettagliata mentre spinge una pila di libri dal suo tavolo da disegno, mentre è in procinto di progettare un edificio

Altri pezzi chiave illustrati nel romanzo grafico includono il suo lavoro nello sviluppo di Chicago, tra cui alcuni dei più riconoscibili architettura del 20 ° secolo della città e il suo periodo come capo della scuola di architettura presso l'Armor Institute of Technology, ora l'Illinois Institute of Technology, in gli anni '60.

Una delle sue opere più importanti in America è Farnsworth House, una casa a un piano avvolta in vetro in Illinois, costruita nel 1951.

Image Le linee bianche lineari definiscono Villa Tugendhat di Mies, bianco un drappo rosso che segna la sua acquisizione da parte dei nazisti

Casas ha iniziato per la prima volta il graphic novel di Mies 2015, ed è pubblicato da Graphite Editorial. Inoltre è presentato al padiglione Mies di Barcellona, ​​gestito dalla Fundació Mies van der Rohe.

L'uscita coincide con tre anniversari legati a Mies nel 2019: il 50 ° anniversario della sua morte; i 90 anni di costruzione del suo padiglione tedesco per l'Esposizione Universale di Barcellona nel 1929; e il centenario della creazione della scuola Bauhaus.

La scuola Bauhaus di Dessau, in Germania, era guidata da Mies, così come da Hannes Meyer e Walter Gropius

Quest'anno è un anno fondamentale per il Bauhaus, così come per l'architetto, e Dezeen ha lanciato l'iniziativa Bauhaus 100 che celebra la scuola.

A parte ciò che è delineato nel libro, Mies ha avuto una carriera diversa e lunga.

Comunemente chiamato Mies, il suo cognome, nacque ad Aquisgrana nel 1886 e morì a Chicago nel 1969, all'età di 83 anni.

Image La scuola Bauhaus fu quindi trasferita a Berlino per le sue fasi finali, prima di essere chiusa, e aveva sede in un vecchio edificio industriale

Dopo aver studiato per la prima volta come architetto e aver lavorato a stretto contatto con Le Corbusier e Walter Gropiu, ha continuato a servire come direttore finale del Bauhaus nel 1930 a Dessau. Chiuse l'istituzione a Berlino nel 1933 dopo essere stato saccheggiato dalla Gestapo.